Lettori fissi

lunedì 23 maggio 2011

UNA DOMENICA SUL PASSO FEDAIA, IN ATTESA DELLA CAROVANA ROSA...

Sono le cinque in punto di domenica mattina, quando l'auto si ferma davanti ai nostri cancelli...il tempo di caricare giacche a vento, tavolini e cibarie varie e viaaaa, si parte, destinazione Paradiso, ossia Passo Fedaia, a quota 2057 metri, in territorio Veneto, sulla magnifica e maestosa Marmolada...qua attenderemo il passaggio della carovana rosa...ma a Caprile il sogno sembra svanire...sul tabellone dei vari passi, indicanti quelli aperti e quelli chiusi, lampeggia una luce rossa, proprio su quello a cui siamo maggiormente interessati...liberi il passo Giau, il famigerato colle S.Lucia...no, dobbiamo arrivare lassù, o in auto o a piedi, ma dobbiamo arrivare...peccato siano circa 20 km...ma la passione, la tenacia nn mancano...
La fila di auto si infittisce, finalmente dopo la perlustrazione effettuata dalle forze dell'ordine, si passa, c'è ancora posto...
La strada comincia a salire, da un lato il Monte Civetta baciato dal sole, dall'altro altri monti che nn conosco, il paesaggio si fa sempre più bello, la neve comincia a scintillare sempre di più, lassù in alto sulle vette, ma anche in qualche punto basso...il motore comincia a soffrire e, mano a mano che procediamo, la strada si riempie di camper, auto, gente che ha trascorso la l'intera notte...molto visi noti, persone che conosciamo, ciclisti, appassionati, donne, giovani, bambini, un pò ovunque griglie già in funzione e cartelloni che inneggiano al proprio beniamino...
Accostiamo subito dopo il GP della montagna e lo spettacolo che si apre dinnanzi a noi è particolarissimo...il lago Fedaia, immenso, è per metà vuoto, per metà pieno, le montagne si specchiano nell'acqua, le casette vicino alla diga creano un effetto particolare, sembrano i tipici villaggi del nord Europa...anche la temperatura gli assomiglia, infiliamo le giacche a vento e partiamo per il lungo giro del lago, a piedi...esce il sole, rigoli d'acqua corrono lungo i prati e scendono a valle, sembra quasi una musica dolce... le ore trascorrono chiacchierando e mangiando con gli amici che troviamo lungo il percorso, ma alle dodici, la pioggia ci sorprende, all'improvviso, tutti dentro in auto...
La stanchezza ha il sopravvento e qualcuno schiaccia un pisolino...da radio corsa arrivano le prime notizie...un uomo solo al comando, poi ripreso, poi gruppo compatto...musica di ogni genere riempie l'aria, è tutto un chiacchierio, un allegria, quando il cielo comincia a farsi sempre più cupo, l'aria più fredda...è in arrivo un altro bel temporale...
Il lontananza si vede l'elicottero, poi l'elicottero ponte radio, ci siamo arrivano...comincia a passare la carovana rosa, claxon a nn finire, fra l'esultanza dei presenti...eccolo, si avvicina sempre più e le staffette della polizia aprono il varco al primo corridore...e poi un boato...è in arrivo la maglia rosa con i più forti, la montagna si scuote, il tuono si fa sentire, il pubblico impazzisce...il tifo è esasperato, è tutto un inneggiare chi ad uno chi ad un altro...e anche la pioggia accompagna gli atleti...passano i minuti e  arrivano anche gli altri...sono maschere, di stanchezza, di fatica, di sudore, lo sforzo è immane... sembrano avanzare per inerzia...qualcuno li spinge, vuole aiutare a tutti i costi, ancora pochi metri e la famigerata salita del Fedaia è finita...
Esce di nuovo il sole, l'arcobaleno si mostra in tutta la sua bellezza, gli ultimi commenti, gli ultimi saluti, la montagna comincia a svuotarsi, a tornare silenziosa...è tutto finito, anche la corsa ed il vincitore è sul podio che abbraccia il suo meritato trofeo...

11 commenti:

giovanna ha detto...

che bella esperienza...e che foto mozzafiato!!
baci
giovanna

Paoletta ha detto...

ho seguito la tappa in tv, ma vederli passare dal vivo, in quei posti, deve essere stato da brivido!!!!

Gianna ha detto...

Giornata memorabile, come la nostra...

Raffaella ha detto...

Ma sei un'appassionata allora!... Io ho seguito in tv e ho rivisto i magnifici posti che avevo visitato in vacanza qualche anno fa...

Francesca ha detto...

Che passione che traspare da questa tua bellissima cronaca degna di una grande scrittrice!
Un abbraccione
Francy

Sandra M. ha detto...

Accipicchia che avventura.
E che descizione, brava!

MariCrea ha detto...

Certo che questi posti sono incredibilmnte belli...e anche se non si ama il ciclismo varrebbe la pena andare fin lassù...
Baci
Mari

Scix ha detto...

foto magnifica..bacetti

Colores ha detto...

bellissimo testo vibrante sembrava quasi quasi di stare lí! che brava! il posto dev´essere davvero spettacolare!

"bear's house" ha detto...

TESORAAAAAA...

Ohhhhhhhh...che fatica!!!

Ho letto tutto il post e mi sono talmente immedesimata da essere pure io sul podio!!!;D

Mi servono un pò di "pistacchi" per rimettermi in forma...

Pistacchi???

Mandamene un chilooooooooo....pistacchietta del mio cuor! ;D

Ti stra-lovvo! Smuak. NI ;D

Anonimo ha detto...

come adoro questi posti !!!
scusami se ti commento in anonimo ma con il mio account non mi fa commentare non so cosa sta succedendo
baciotti
Denny*

FEEDJIT Live Traffic Map